Primavera sciupona, perde col Lanciano

Primavera sciupona, perde col Lanciano

Al Comunale di Santa Flavia, si interrompe la striscia di risultati utili per la Primavera rosanero, battuta nello scadere dal Lanciano per 2 a 1. Bosi schiera lo stesso 11 utilizzato contro l'Avellino con Marson in porta, la difesa dopo pochi minuti si schiera a 4 con Pezzella e Pirrello esterni, Maddaloni e Giuliano centrali. A centrocampo Grillo, Toscano, Costantino e Bonfiglio. In avanti La Gumina e Cassini. La prima frazione inizia subito malissimo con la rete messa a segno da Carpentieri al 13'. Il Palermo prova a scuotersi più volte ma non riesce mai ad essere pericoloso sotto porta. Il secondo tempo regala sicuramente più emozioni con tre pali colpiti dai rosa. Dopo un'ora di gioco Cassini si ritrova la palla tra piedi e dentro l'area, riesce ad insaccare, esultando verso il pubblico senza maglia. Ma neanche il tempo di gioire e sei minuti più tardi, Grillo con una magia si fa atterrare e l'arbitro inevitabilmente assegna un rigore ai padroni di casa. Subito, Cassini corre a recuperare il pallone, La Gumina prova a chiedere il favore di batterlo, ma dopo tante chiacchere davanti ai tifosi attoniti, Cassini si incarica della battuta e calcia alto e fuori. I mugugni in tribuna si fanno sentire anche con la sostituzione del brasiliano, che non avendo dato la possibilità al beniamo di casa, Nino La Gumina, si è messo contro un pò tutti. E quando ormai tutto faceva pensare che la partita si concludesse con un pareggio, all’89’ gli abruzzesi trovano il gol con Selvallegra, portando così a casa l'intero bottino. Un nervosissimo Cassini, abbandona il campo accompagnato da alcuni compagni, mentre il Palermo resta a quota 13, in zona playoff.

Alberto Porcaro