Palermo corsaro a Udine. Rigoni porta i rosanero in testa alla classifica

Udinese che, dopo la vittoria all'esordio sul campo della Juventus, cade oggi tra le mura amiche dello stadio Friuli sotto i colpi di un Palermo in maggior salute. Un match sofferto, giocato bene e vinto meritatamente dalla formazione di Iachini al termine di una gara perfetta sotto tutti i punti di vista, nonostante abbia dovuto giocare gli ultimi venti minuti con un uomo in meno, a causa dell'espulsione, per doppia ammonizione, del difensore sloveno Struna. Il gol in avvio di Rigoni e le splendide parate di Sorrentino, decisivo per le sorti del risultato, fanno da cornice alla serata magica dei colori rosanero, in testa e a punteggio pieno dopo due partite di campionato. L'Udinese inizia senza Di Natale dal 1', nel Palermo Trajkovski affianca Vazquez e Quaison in avanti, Gilardino va in panchina. In avvio Palermo più spigliato, già al 3' Rispoli prova a lanciare sulla destra Rigoni ma il suggerimento è troppo in profondità e l'azione sfuma. Al 6' Lazaar viene fermato bene da Merkel al limite dell'area friulana. E' il preludio al gol che arriva due minuti dopo. All'8' rosanero in vantaggio: Vazquez pennella dalla sinistra per Rigoni che a centro area di testa batte Karnezis. Al 10' si fa viva l'Udinese: Edenilson sfonda sulla sinistra ma Struna riesce a sporcare il suo passaggio basso all'interno dell'area. Al 15' Danilo salva in area su Trajkovski ma si avverte che l'Udinese è in difficoltà. I friulani sfiorano il pareggio al 17' quando c'è una discesa centrale di Thereau, che col sinistro calcia forte e centrale: Sorrentino con la punta delle dita tocca mettendo in corner. Nell'azione seguente pasticcio difensivo dei rosanero, Thereau è fermato in area dall'uscita di Sorrentino, ma il pallone arriva in porta dopo il contrasto: salva Gonzalez sulla linea, poi la sfera giunge a Zapata, che sulla destra, a porta praticamente vuota, calcia alto sopra la traversa.  Al 20' altra ghiotta occasione per l'Udinese ma Edenilson, lanciato da Bruno Fernandes, a tu per tu con Sorrentino, spara alto sopra la traversa. L'Udinese continua a spingere cercando il gol col colombiano Zapata ma senza riuscirci. Al 28' su lancio di Hertaux c'è un corpo a corpo tra Zapata e Struna; i friulani invocano il penalty ma l'arbitro dà punizione al Palermo. Al 32' altro contatto in area El Kaoutari-Zapata ma per l'arbitro il fallo lo commette il colombiano. Al 34' un tiro al volo di Adnan trova la respinta di Lazaar che mette in corner. E' una fase combattuta della gara col Palermo che difende il vantaggio respingendo gli assalti friulani. Al 41' Sorrentino agguanta un pallone in area su cross dalla destra di Iturra, Al 44' ennesimo contatto Struna-Zapata: questa volta per il centrale sloveno del Palermo scatta l'ammonizione.    E il primo tempo si chiude con i rosanero avanti per uno a zero. Nella ripresa parte subito forte l'Udinese che prova a chiudere il Palermo nella propria metà campo. Al 3' tiro velleitario di Kone dalla distanza, il greco calcia in caduta e spara alto sulla traversa. Al 5' bel contropiede dell'Udinese: Thereau si fa 30-40 metri palla al piede, aspetta Bruno Fernandes e lo serve sulla sinistra: botta del portoghese e pallone di poco sul secondo palo. Ancora Udinese: cross dalla sinistra di Adnan, salva bene Gonzalez, che spazza l'area in acrobazia.  Al 52' sfondamento dell'Udinese in area di Thereau, El Kaoutari legge il tempo al francese deviando in calcio d'angolo. Un minuto dopo, sinistro di Bruno Fernandes, tiro centrale, para Sorrentino. Al 11' si rivede il Palermo con un numero di Quaison: lo svedese filtra con una giocata di classe sulla sinistra dell'area e mette basso all'indietro a centro area dove nè Trajkovski nè Vazquez riescono però ad arrivare sul pallone e l'occasione sfuma. Risponde l'Udinese al 13' con un diagonale di Zapata finito a lato del secondo palo. Colantuono cambia: fuori Merkel, dentro Kone. Al 18' il greco neo-entrato sfiora il gol con un tiro dalla distanza che impegna severamente Sorrentino alla deviazione in angolo. Anche Iachini cambia al 22': fuori Rispoli dentro Goldaniga. Al 25' rosanero ridotti in dieci per l'espulsione di Struna, cacciato per doppia ammonizione dall'arbitro Damato dopo un intervento presunto in scivolata su Bruno Fernandes.  A questo punto Colantuono gioca il tutto per tutto pur di pareggiare: dentro Di Natale fuori un difensore, Hertaux. Rimasto in dieci, il Palermo si schiera tutto dietro la linea della palla lasciando l'iniziativa all'Udinese. Al 32' esce uno zoppicante Rigoni per Hiljemark. Al 34' ci riprova Zapata da dentro l'area con un diagonale che finisce fuori. Al 35' nell'Udinese esce Iturra entra Marquinho. Un minuto dopo ci prova Di Natale, che su assist di Kone calcia a rete al volo in acrobazia ma Sorrentino è attento e blocca la conclusione del fantasista bianconero. A sette minuti dalla fine Iachini effettua l'ultima sostituzione: Vitiello per Quaison, che uscendo lentamente dal campo scatena i fischi del pubblico friulano. Al 42' Thereau spreca l'occasione del pareggio bianconero con un colpo di testa su cross da sinistra di Bruno Fernandes, che finisce a lato del primo palo. Al 89' miracolo di Sorrentino: il portiere del Palermo protagonista. Cross in mezzo all'area di Adnan dalla sinistra, Zapata stacca di testa a colpo sicuro ma trova il riflesso strepitoso del portiere rosanero, che devia in corner salvando il risultato! Al 90' Lazaar in contropiede è solo sulla sinistra ma sbaglia il cross permettendo a Karnezis di conquistare facilmente il pallone. A tempo scaduto occasione per Danilo ma il colpo di testa finisce sul fondo.  Finisce 1-0 per il Palermo, che con due vittorie in due partite  si trova a punteggio pieno, godendosi il primato in classifica. Adesso la sosta, poi la matricola Carpi al Barbera. Mica male. Sabino Bisso