Corini: "I rinnovi di Marconi e Valente sono quasi ufficiali. Contro la Ternana servirà reattività"

Corini: "I rinnovi di Marconi e Valente sono quasi ufficiali. Contro la Ternana servirà reattività"

Eugenio Corini, allenatore del Palermo, ha parlato in conferenza stampa della prossima sfida contro la Ternana - in programma martedì 28 febbraio alle 20.30 allo stadio "Renzo Barbera".

“Sicuramente affrontare le gare con l’organico tutto a disposizione sarebbe stato meglio, ma bisogna essere reattivi. Peccato perché il pre-gara col Sudtirol e i due infortuni all’inizio ci hanno condizionato, ma abbiamo saputo reagire facendo una partita importante. Graves e Sala non ci saranno, abbiamo recuperato Bettella che però non è al 100%, Valente ha lavorato a pieno ritmo, era recuperabile anche per sabato ma abbiamo preferito aspettare. Verre ha fatto un lavoro di adattamento, il ragazzo non ha dormito benissimo e dunque dovrò capire se può partire dall’inizio". 

LA PARTITA DI BOLZANO 

“Ci sono sempre cose da migliorare, dobbiamo trovare una media tra quello che ha fatto Verre col Frosinone (ride, ndr) e arrivare bene in area. Dobbiamo trovare più gol da Verre, da Saric, e in generale a Bolzano è stata difficile perché loro si coprono in nove negli ultimi 20 metri. Stiamo lavorando specificamente per velocizzare le conclusioni con le nostre punte, anche per creare magari qualche seconda palla. La squadra comunque sta crescendo, vuole sempre fale la partita e schiaccia gli avversari, penso anche alla partita di Brescia in cui sembrava che potessimo segnare da un momento all’altro ma poi abbiamo tirato poco, dobbiamo migliorare in questo.

TUTINO E DI MARIANO, LA TERNANA, IL CICLO 

“Penso che Di Mariano ha avuto una grande occasione sfiorando il gol, molto sfortunato. Nel secondo tempo ho voluto cambiare il tema tattico perché ci serviva fisicità in mezzo all’area, e anche nella partita col Genoa avevamo avuto una grande occasione. Il Sudtirol non ci dava profondità, dovevamo cambiare, e inoltre a volte bisogna anche leggere i momenti dei giocatori. Tutti stanno crescendo, anche Gennaro che è arrivato da poco, così come Vere. Bisogna continuare a lavorarci, io sono solo concentrato sulla Ternana, potevano vincere sabato e hanno perso con una punizione da trenta metri. Loro sono in salute, in classifica sono vicini a noi, abbiamo la consapevolezza che in certi momenti le squadre trovano energie nascoste, è una partita fondamentale per capire il nostro processo di crescita". 

CICLO CHE FINISCE, CICLO CHE INIZIA 

“Abbiamo visto una crescita indubbia, abbiamo imparato a dominare col possesso, anche contro squadre importanti che ci sono davanti in classifica. Adesso andiamo a giocare con squadre della nostra zona in classifica, capiremo se possiamo spingere in avanti o guardarci indietro, arriviamo a giocarci questa gara con qualche difficoltà di organico ma con la possibilità di farlo in casa, con autostima e valori definiti. I campionati si costruiscono una gara alla volta, la considero molto importante quella di domani".

LA PARTITA DI ANDATA, L’AVVERSARIO 

“Sicuramente dalle sconfitte si impara, la partita di Terni mi ha fatto capire che dovevo cambiare l’idea di gioco che avevo. Poi abbiamo avuto un periodo difficile acuito da sconfitte secondo me immeritate con Cosenza e Venezia, poi siamo riusciti a creare un’identità forte che ci ha permesso di risalire in classifica. La Ternana è tosta, sarà una partita dove non avremo riferimenti, loro hanno tanti valori ma di sicuro dipenderà da noi. Dobbiamo avere equilibrio e grande cuore, per superare le difficoltà su ciò che non sappiamo. Dobbiamo fare una fase di non possesso di squadra, e quando mettiamo la palla a terra sappiamo come essere pericolosi". 

LA PARTITA DI SABATO, BRUNORI, MATEJU, LA FASCIA SINISTRA 

“Il Sudtirol è lì in classifica perché ha questo stile di gioco che mette in difficoltà chiunque. Abbiamo avuto la capacità di reggere i loro attacchi diretti nel secondo tempo, ne hanno vinte tantissime così. Noi nel secondo tempo abbiamo lavorato meglio, coi movimenti di Soleri che ci ha aiutato a creare spazi. Matteo è stato molto bravo, ha riaggredito bene gli avversari, è stato difficile finalizzare ma sicuramente qualcosa di meglio dobbiamo andare ad ottenerla. Aurelio sta bene fisicamente, ha una ottima tecnica e anche se deve migliorare è una possibilità concreta, compatibilmente con Masciangelo che non giocava da dicembre ma sono contento dei 60 minuti che ha fatto. Stiamo cercando di capire. Mateju ha fatto molto bene, se vogliamo avere uno stile di gioco di un certo tipo ti servono giocatori così”.

I RINNOVI DI MARCONI E VALENTE 

“Manca solo l’ufficialità, se lo sono meritati non solo per questi ultimi sei mesi. Sono due ragazzi eccezionali, con valori importantissimi, sono felice per loro”. 

LE RIMONTE , LA SQUALIFICA IN PANCHINA 

“Ho molta fiducia nel mio staff, io ascolto sempre loro e loro ascoltano me, ragioniamo moltissimo sulle strategie. Mi ha già sostituito tante volte mister Lanna, faranno un grandissimo lavoro dopo aver preparato insieme la partita, la strategia e i cambi a gara in corso. Spesso riusciamo a pareggiare da situazione di svantaggio, dobbiamo migliorare nel rimontare definitivamente vincendo. Sicuramente in queste partite come quella di Bolzano giocatori come Verre e Valente possono darti quel qualcosa in più quando gli atri calano.” 

MASCIANGELO E AURELIO 

“Masciangelo ha fatto bene, mi è piaciuta la sua intraprendenza, sono contento per lui perché era importante capire come stava. Aurelio somiglia molto a Sala, lo vedo come un giocatore che ha bisogno di campo da attaccare, per ottimizzare le proprie caratteristiche".

BILANCIO DEL CICLO FINITO, PALERMO E TERNANA 

“Dal punto di vista delle prestazioni sono contento, potevamo avere qualche punto in più ma dobbiamo capire perché non ce l’abbiamo fatta, io sto cercando di spingere fino al limite, non è sempre facile mettere ogni casella al posto giusto, ma penso che siamo sulla giusta strada. La Ternana ha avuto il loro miglior momento quando hanno battuto noi, io la ritengo un’ottima squadra, siamo contenti che abbiamo ricreato entusiasmo e lo stimolo è continuare a migliorare in campo. 

SOLERI 

“Sicuramente è uno di quei giocatori che mi fa ragionare, ha un atteggiamento straordinario e si è meritato questi due gol. Faccio l’esempio di Muriel che da subentrante era determinante, nel calcio moderno avere questo tipo di giocatori è fondamentale, ma sono molto aperto non lo considero per forza uno da partita in corso. Di sicuro questo suo atteggiamento è straordinario”.

VALUTAZIONI SULLE ROTAZIONI 

“Di solito la faccio sulle tre partite avendo l’organico al completo, però poi subentrano altre riflessioni se hai qualche defezioni. Oggi con i dati a disposizione deciderò su chi comincia domani, poi da mercoledì penseremo a Pisa.”