Sgarbi compra il Cervia: «Potrei fare come Zamparini»

Sgarbi compra il Cervia: «Potrei fare come Zamparini»

 

Vittorio Sgarbi patron del Cervia? Arrivano conferme dal diretto interessato, il quale pensa a rinominare la squadra Cervia Milan Marittima. Alla Gazzetta dello Sport il critico d'arte rivela le ambizioni per la sua nuova avventura: 

 

AMBIZIONI

«La mia è una posizione di laboratorio. Come la scelta di Berlusconi di prendere il Monza, per lui è una questione emotiva, certo, ma anche strategica. Lo stesso vale per Cairo con il suo Torino, Della Valle e la Fiorentina. Questi grandi imprenditori che hanno comprato delle squadre di calcio, lo hanno fatto per potere e per immagine - ha detto Sgarbi - Io invece voglio dare visibilità al Cervia: io ce l’ho già e voglio regalarla al club. La mia è un’operazione principalmente missionaria. In realtà l’artefice di tutto è il mio factotum Sauro Moretti. È lui il regista».


LEGGI

Zamparini-Ponte: previsto incontro in settimana


 

COME ZAMPARINI

Sgarbi parla anche della condotta che assumerà da presidente di un club, se più vicina al mecenatismo di Massimo Moratti o da "ammazza-allenatori" come Zamparini: «Oscillo tra i due. Da un lato sono vicino al mio amico Massimo che verrà a Sutri perché intitolerò una via a suo fratello Gian Marco e darò la cittadinanza onoraria a Letizia. Però, d’altra parte, potrei assumere posizioni più vicine a Zamparini e iniziare a cacciare tecnici come faccio con gli assessori. Ma penso di avere anche delle affinità caratteriali con De Laurentiis. Un fumantino come me. Sì, forse lui è quello che mi rassomiglia di più».