Secondo rigore consecutivo per amnesie difensive, ed il Palermo è a -7 dalla salvezza

Adesso il Palermo deve rimontare sette se vuole salvarsi. Impresa impossibile senza rinforzi

Per la seconda volta consecutiva il risultato della partita dei rosanero è stato determinato da un calcio di rigore: nella partita contro il Pescara, quando già sembrava che l'1-0 fosse già cosa fatta, e ieri, con la partita che sembrava indirizzata verso quel 0-0 che sarebbe stato il risultato più giusto, visto l'andamento guardingo e arroccato delle due squadre. E invece a causa di questi due penalty consecutivi, conseguenti ad evidenti amnesie difensive, il Palermo non si trova in classifica  a 13 punti, quindi a soli due punti da un Empoli che sarebbe  quartultimo a quota 15 invece che 17, ma con soli 10 punti, a -7 dalla zona salvezza. Certo, i rosa contro i toscani non hanno giocato una gran partita, Ma neppure l'Empoli ha fatto nulla per meritare i tre punti, poco pericoloso tranne che questa veloce ripartenza, qualche secondo dopo l'ingresso in campo di Maccarone. E' accaduto che con la complicità della difesa rosa Mchedlidze si è trovato solo in area, e indisturbato ha potuto fare da torre all'ex rosanero, anche lui solo al centro dell'area. Cionek in ritardo non ha trovato di meglio che spostarlo leggermente , e servirgli su un piatto d'argento il rigore che poi ha trasformato. Vediamo nel dettaglio il rendimento dei rosanero. opinione-253POSAVEC - Da ricordare solo un difficile intervento su una conclusione di Bellusci, e poi normale amministrazione. Comunque attento quando viene chiamato in causa. opinione-253CIONEK - Una gara discreta, con un intervento che ha tolto la palla dalla testa di Mchedlidze a un passo dalla porta, nel primo tempo. Ma poi ha lasciato solo Maccarone in area, e lo ha leggermente trattenuto: rigore. opinione-253GONZALEZ - Ha anche lui qualche responsabilità nell'azione che ha provocato il rigore, e inoltre sbaglia molti appoggi. In generale qualche titubanza di troppo dietro. opinione-253GOLDANIGA - In ritardo quando Mchedlidze ha fatto l'assist a Maccarone. Gara grigia come tutta quella della difesa, ma il migliore dei tre centrali. opinione-250RISPOLI - C'è sempre. Su lui si può contare, si propone, ed arriva anche in area di rigore avversaria. Addirittura ha  Ha l'occasione buona per segnare dopo una ventina di secondi. opinione-250JAJALO - Pur non facendo cose straordinarie, è tra i rosa il più determinato a centro campo, e tenta anche qualche tiro in porta. opinione-250GAZZI - Fa buona guardia su Saponara, ma non tenta mai una verticalizzazione. Insomma, una gara di sacrificio davanti la difesa. opinione-250BRUNO HENRIQUE - Appartiene alla categoria 'bravo, ma può fare di più'. Recupera tanti palloni, ma si limita al compitino. Comunque a tratti fra i migliori. opinione-253MORGANELLA - Controlla Marilungo e Laurini, ma è inconsistente in fase di spinta, anche perchè a sinistra, lui che è un destro, ha tante difficoltà nel ripartire e gestire il pallone. opinione-253QUAISON - Si muove bene fra le linee avversarie, ma comunque in discesa rispetto alle ultime due prestazioni. ha un solo lampo, e chiama Skorupski a una parata tutt'altro che semplice. opinione-251NESTOROVSKI - Anche lui non all'altezza delle precedenti prestazione, nelle quali, pur non segnando perchè non riceve palle giocabili, era d'aiuto. Invece spesso ha perso palla. opinione100Su ALEESAMI, DIAMANTI, BALOGH, chiamati da Corini per sostituire rispettivamente Morganella, Cionek e Jajalo, non c'è molto da dire. L'involuzione più vistosa è quella di Aleesami, che spaesato e impreciso come si ritrova, con il suo ingresso ha creato più danni che altro. opinione-250All. CORINI - Tranne la forzature di Morganella a sinistra,  ha messo in campo la formazione più logica, considerando la rosa che ha a disposizione. E' evidentente che la squadra rispetto alla gestione De Zerbi sia migliorata, ma si ha la sensazione che sia venuto ad Empoli per difendersi. Forse doveva osare qualcosa di più.