Iachini vince sempre all'ultima spiaggia

Iachini vince sempre all'ultima spiaggia

 

Studi approfonditi e attendibili hanno stabilito che Iachini non è umano. Trattasi di esemplare vivente, rarissimo, di cartone animato. Ci sono alcuni personaggi dei fumetti che tribolano, vedono la fine vicina, il pubblico li dà per finiti, e loro in extremis si salvano e vivono felici e contenti. Come Jerry inseguito da Tom Zamparini, come Titti tolto dalle fauci di Silvestro un attimo prima, come Bugs Bunny o Roger Rabbit, il nostro eroe col cappellino lotta contro nemici agguerriti, contro la sorte, la traversa, gli ex allenatori del Palermo, la sterilità offensiva, ma alla fine vince sempre, come Equitalia. Abbiamo già visto, in questi due anni e mezzo, alcuni episodi passati a leggenda, come “Iachini contro il derelitto Cesena”, “Iachini e il Vazquez dimenticato”, “Iachini e l’esplosione di Dybala”, “Zampa insulta, Iachini non risponde”, “Super Sorrentino salva Iachini”. Sono in programmazione, nelle prossime settimane: “Iachini e l’Inter sopravvalutata”, “Iachini e la difesa ballerina”, “Iachini e le trasferte impossibili”, “Iachini contro tutti”. La domanda a questo punto, direbbe qualcuno, nasce spontanea: ma quante sono queste ultime spiagge?