Sangue e sudore per ripartire

Attilio Celano

Sangue e sudore per ripartire

Dopo sei giornate bottino di 7 punti, mi sembrano pochini. Francamente Iachini lo aveva già preannunciato che questa squadra, rispetto all'anno scorso, sembra molto meno performante. Perché non è stata fatta una "giusta" campagna acquisti? Si è tolto Dybala e non è stato sostituito adeguatamente, si è tolto Belotti ed è stato preso Gilardino, non per risparmiare, ma per calmare Iachini e la piazza.

Come trovare il bandolo della matassa? Primo, fare fronte alle difficoltà e alle critiche. Secondo, rivolto a Zamparini: faccia un po di yoga e non stia ad ascoltare le sirene di chi chiede l'esonero del mister. Terzo, rivolto a Iachini: sfrutti di più i vari Brugman, Cassini, e quant'altri, non abbia paura a provarli in partita, soprattutto ora che siamo all'inizio del campionato, insomma.... osi di più e risponda sul campo al presidente e ai tifosi. Quarto, un messaggio rivolto ai giocatori: dico di scrollarsi di dosso i pensieri di questa estate con il mercato, soprattutto mi rivolgo a Vazquez che sembrava cedere alle lusinghe della Juventus. Ai “senatori” chiedo di prendere per mano i più giovani e quelli appena arrivati e coinvolgerli verso il cosiddetto "sangue e sudore" per la maglia. E adesso auguro a tutti loro buon lavoro e dimentichino presto queste tre giornate, torneremo a vincere e a fare spettacolo.

"Fatemi spazio" è la vostra rubrica: scrivete, inviate e noi pubblicheremo.

Lazaar nella foto di Pasquale Ponente