Closing in ritardo. Le parole di Salerno. Il fallimento dell'Est

La rassegna stampa di giovedì 11 maggio.

Closing in ritardo. Le parole di Salerno. Il fallimento dell'Est

«Gioventù bruciata». Titola così il Giornale di Sicilia in apertura delle pagine sportive. Chiaro riferimento ai molti giovani del Palermo che in questa stagione non hanno avuto la possibilità di mettersi in mostra. «Nelle ultime quattro partite della nuova gestione - si legge in descrizione - sempre meno spazio per gli under 21 che invece dovevano essere valorizzati. L'unico che ha giocato con continuità è stato Sallai, che però non verrà riscattato».

«La cessione della società non arriva, futuro a rischio?», il titolo dell'articolo di spalla. La nuova scadenza è stata fissata per questo fine settimana, ma «con molta probabilità non sarà rispettata perché il gruppo di Baccaglini ha ancora bisogno di tempo per spulciare le carte messe a disposizione da Zamparini».

In taglio basso, l'intervista all'ex direttore sportivo del Palermo, Nicola Salerno. «A gennaio servivano rinforzi veri, ne avevo pronti due». Salerno parla di Pantilimon, portiere classe '87 del Watford, e di Rolando Bianchi. Sul closing, l'ex ds si dice preoccupato: «Baccaglini e Zamparini hanno un accordo, entro una certa data deve esserci il closing. Chiaramente il ritardo fa preoccupare, ma speriamo che le cose vadano per il meglio».

 

Il Corriere dello Sport, nelle pagine dedicate a Sicilia e Calabria, fa un'analisi sul reparto più in difficoltà della squadra rosanero, il centrocampo: «Crisi Palermo. I centrocampisti sono solo quattro».

 

Mentre la Gazzetta dello Sport pone l'accento sul fallimento degli acquisti rosanero provenienti dall'est: «Flop Palermo. Da Posavec a Balogh a Sallai. L'Est ha fallito». In descrizione: «Nestorovski si salva, tutti gli altri uomini voluti da Zamparini hanno deluso le attese».