Clamoroso errore della Lega B. Il Palermo è in regola

Clamoroso errore della Lega B. Il Palermo è in regola

IMMAGINE  SIAMO SU INSTAGRAM

 

Che sarebbero state settimane particolarmente ferventi in quel di Palermo lo si era intuito subito dopo la fine del campionato.

A fare salire ancora di più la temperatura in città - nella tarda serata di ieri - è stata la notizia secondo la quale ci sarebbe un nuovo debito di poco meno di 2 milioni di euro che il Palermo dovrebbe saldare entro la giornata di domani, lunedì 24 giugno, termine ultimo per presentare le carte che permetteranno al club rosanero di iscriversi al prossimo campionato.

 

Quindi iscrizione al prossimo torneo cadetto a rischio? Sembrerebbe di no, in quanto si tratterebbe di un’incredibile errore nei conteggi da parte dei tecnici della Lega di B.

 

Proviamo a fare ordine.

Parte tutto dall'interpretazione di determinate norme sull’asse Lega - Palermo, accompagnata dallo scambio di PEC ufficiali in cui si evince una diversità di idea sulla cifra che il club dovrebbe versare.

La Lega B - attraverso una nota firmata dal Presidente Balata - chiede quasi 2 milioni di euro al fine di pagare il debito, sommando una ingente parte pari a 1.667.403 derivante da pendenze con avvocati e procuratori.

La società di Viale del Fante replica asserendo che il pagamento di quelle cifre non è condizione per l’ottenimento della licenza nazionale. Inoltre - insiste il Palermo - la cifra dovuta è di soltanto 328 mila euro (il credito sportivo quantificato dalla Lega stessa).

 

Infine il Palermo Calcio trova curioso come la comunicazione sia pervenuta il sabato sera proprio a poche ore dalla scadenza per l’iscrizione al prossimo campionato, ricordando gli sforzi profusi nelle ultime settimane da parte della nuova proprietà per mettersi in regola con la normativa vigente.

La Lega - nella sua missiva - scrive che “il pagamento dovrà pervenire entro il 24 al fine di rispettare le scadenze federali”.

Poi però è arrivata la precisazione dello stesso Balata: «Chiariremo tutto oggi».

Quindi allarme rientrato? Sembra proprio di sì.